Omelie ed interventi

Messaggio alla Diocesi

01/12/2012

Ci incontreremo e ci vorremo bene nella verità di Cristo

Ai fedeli della Chiesa particolare di Ferrara-Comacchio

Carissimi figli,

vi scrivo per la prima volta come Arcivescovo della Diocesi. In data 19 novembre u.s. Sua Eccellenza Mons. Adriano Bernardini, Nunzio Apostolico in Italia e nella Repubblica di San Marino, mi ha comunicato che il Santo Padre Benedetto XVI mi aveva nominato arcivescovo di Ferrara-Comacchio. Il 23 novembre ho significato al Santo Padre la mia accettazione “non senza grave sacrificio e in spirito di totale obbedienza a Lui”. Ci incontreremo, ci conosceremo, ci accoglieremo reciprocamente e ci vorremo bene nella verità di Cristo e nel grande mistero di fraternità che è la Chiesa – come è accaduto in questi sette anni, splendidi e difficili (perché splendidi e difficili sono i tempi della Chiesa oggi), con i fedeli della Chiesa di San Marino- Montefeltro. Vengo a voi con un’unica intenzione: testimoniarvi l’avvenimento di Cristo, che salva l’uomo e lo fa camminare lungo una strada inesorabilmente protesa alla verità, alla bellezza, al bene e alla giustizia, cioè al compimento della propria umanità. Non ho nessuna risorsa se non la fede, non ho nulla da dire se non l’annuncio di Cristo, “Redentore dell’uomo, centro del cosmo e della storia” (Redemptor Hominis, 1).

Chiedo al Signore di poter educare la vostra fede, perché la vostra appartenenza alla Chiesa sia sempre più autentica. Il cristianesimo vissuto genera una cultura vera della persona e del popolo e fa nascere rapporti nuovi nella comunità e nel mondo caratterizzati dalla carità, che è inesorabile e positiva denuncia di quell’egoismo che domina la società. Chiediamo al Signore che ci consenta di comunicare Cristo ai nostri fratelli uomini, attraverso la vita vissuta con Lui e per Lui, nelle circostanze concrete e quotidiane, nelle gioie e nei dolori, nelle difficoltà e nelle consolazioni, nelle varie stagioni della vita.

Fratelli carissimi, vi invito a seguirmi nella grande avventura della fede, della speranza e della carità, perché la nostra vita si compia secondo la misura di Cristo. Le gravi difficoltà familiari, la fatica ad educare le nuove generazioni, la crisi che si è abbattuta sul nostro paese e che rende così precaria la nostra vita sociale, sono problemi che cercheremo di condividere nella certezza che il Signore è con noi e che la Sua Presenza, riconosciuta ed amata, rende utile e positivo ogni istante della vita. Saluto con particolarissimo affetto tutto il clero, i religiosi e le religiose, i diaconi permanenti e tutti coloro che ricoprono un ministero nella vita della Chiesa.

Sento particolarmente vicini a me gli anziani e i malati, da cui ho ricevuto in questi anni straordinarie testimonianze di carità. Mando una carezza a tutti i bambini, con la promessa che faremo di tutto perché possano trovare una vita sociale meno aspra, meno violenta, meno avvilita ed avvilente.

Affido la mia vita e la vita di ciascuno di voi al tenero e materno abbraccio della Madre del Signore, presenza così amata dal cuore del popolo cristiano.

Alla fine un saluto pieno di affezione e devozione a Sua Eccellenza Mons. Paolo Rabitti, a cui succedo.

Benedico tutti di cuore.

+ Luigi Negri

Arcivescovo eletto di Ferrara-Comacchio

Pennabilli, 1 dicembre 2012

Altre news


Pagina:  49 
Stampa questa pagina